Valutare una pratica yoga.

Ho già parlato di come valutare l’efficacia spirituale e materiale di una pratica yoga nel mio precedente articolo su come perdere peso grazie allo yoga dove vi ho anticipato che la parola chiave è chakra.

Riscrivo gli stessi concetti perché non tutti hanno bisogno dello yoga per dimagrire ma in molti desiderano sapere come valutare quello che stanno facendo con criteri più concreti.

Sentirsi bene dopo una pratica yoga, non è sufficiente per affermare che sia spiritualmente utile. Ad esempio una persona potrebbe sentirsi molto rilassata e in contatto con sé stessa dopo aver praticato il suo yoga per aver aperto i centri del cuore e della corona ma potrebbe non rendersi conto di aver indebolito la base e i chakra dei piedi. La persona in questione tornerà a casa soddisfatta ma indebolita nel radicamento. Un problema comune dei corsi moderni di yoga piuttosto pericoloso.

Allora come si misura scientificamente l’efficacia di una pratica?
Attraverso la misurazione dei centri energetici: i chakra.
Lo studio dei chakra del corpo umano prende il nome di anatomia spirituale. Una materia interessantissima. Probabilmente la conoscenza più utile e interessante che ho acquisito nella vita.

Se dopo la pratica il sistema energetico è più bilanciato e forte allora la pratica ha avuto un buon effetto se è più squilibrato e addirittura indebolito, in alcune sue parti, la pratica non è utile.

Il modo più efficace per misurare l’efficacia di metodi e pratiche spirituale è di fatto l’effetto sul sistema energetico, ovvero sull’anatomia spirituale della persona, sulle aure e i chakra.

Praticanti esperti per misurare miticolosamente gli effetti di ciò che si fa su ogni centro del corpo energetico a livello vitale, emotivo e mentale, usano un metodo chiamato scansione che richiede molta pratica ma da risultati a dir poco eccellenti.

Lo yoga ha la scopo di aumentare le proprie frequenze e di facilitare la connessione con l’anima (yoga di fatto significa unione) e come secondo scopo a quello di portare le persone a una auto-maestria superiore che comprende l’autogestione del corpo fisico e delle aure vitale, emotiva e mentale e dei chakra che compongono la nostra preziosa anatomia spirituale. Lo yoga è meraviglioso ma bisogna sapere cosa si sta facendo e usare una mentalità rigoroso e scientifica per approcciarsi ad esso per evitare fanatismo e illusioni inutili. Restate disillusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *